a pesca con Keiichi

Keiichi Saito è un distinto signore, molto simpatico. Ha 72 anni e vive a Morioka, Giappone. Pesca con l’esca naturale, con la tecnica tradizionale del sol levante, il Keiryu Tsuri, da circa quarant’anni.

Keiichi
Keiichi

Pratica anche la pesca all’Ayu, per la quale si  costruisce i terminali, con anellino e ancoretta.

Ayu
Ayu
Ancoretta da Ayu
Ancoretta da Ayu

 

Viene spesso in Italia, accompagnato dalla sua signora, e parla un buon Italiano. Incuriosito dalle avventure di Sakakibara nel nostro paese, ha deciso di passare un po’ di giorni in Valsesia per pescare.

Ovviamente non potevo perdermi questa occasione e gli chiesto se potessi andare a trovarlo per vedere dal vivo come si pratica il Keiryu Tsuri.

Appare subito chiaro che la semplicità della tecnica, non deriva dall’approssimazione ma da una ricerca specifica ed approfondita. Usa una canna da sei metri molto leggera, molto bella, anche se si vede che ha qualche anno alle spalle. La lenza è particolare, con un nylon fluorescente doppiato, auto costruita, con una specie di treccina scorsoia, che permette di regolare la lunghezza totale della lenza che deve essere inferiore di quella della canna di circa cinquanta centimetri.

keiryu tsuri line
keiryu tsuri line
treccina sulla lenza
treccina sulla lenza

Il nylon finale è finissimo, credo uno 0.10. Keiichi mette un pezzettino di carta sul finale, umettato e arrotolato, prima di stringere il piombino a circa venti centimetri dall’esca. La distanza tra piombino e amo è direttamente proporzionale alla dimensione del piombo. I piombi piccoli andranno stretti più vicini all’amo, i piombi grandi più lontani.

carta proteggi nylon
carta proteggi nylon

Mi indica che i segnalatori vanno regolati a seconda della profondità del fiume e che devono sempre rimanere fuori dall’acqua. Si deve sempre osservare quello più in basso.

segna filo
segna filo
keiryu tamo
keiryu tamo

Il Tamo non è un oggetto di bellezza ma è quasi uno strumento imprescindibile. In tutte le fasi di preparazione diventa come un tavolino, una terza mano, utile per tutte le operazioni “complesse” da fare sul greto del fiume, come svolgere la lenza, cambiare amo, slamare un pesce, etc. Il manico lungo, proprio in virtù di questo utilizzo, si rivela necessario per avere una buona stabilità infilato nella cintura.

Anche gli ami che usa hanno una forma particolare.

amo
amo

Le ninfe del Sesia saranno le nostre esche!

 

esche del fiume
esche del fiume
Keiichi in pesca
Keiichi in pesca

Keiichi lancia in modo molto mirato e preciso, curando che l’esca si muova nel modo più naturale possibile da monte a valle, seguendo la corrente.  Insiste molte volte nei punti di acqua più lenta. Risale il torrente senza fretta e qualche pesce rompe gli indugi.

Fario del Sermenza
Fario del Sermenza

Leggerezza, precisione, presentazione naturale ed una attrezzatura minimale ma ricercata, sono le caratteristiche che mi sono piaciute molto del Keiryu tsuri, che, visto praticare da un esperto come Keiichi, si rivela un’arte di pesca raffinata e difficile.

Ringrazio Keiichi Saito per questa meravigliosa avventura e naturalmente le persone che mi hanno aiutato: Ryuta, l’svps con Vittorio e Savino, e Marita di Valsesiain.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...